Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Restore PLAN

Un piano di backup, senza aver mai provato un’operazione di restore, è praticamente placebo.

Help! Help!

L’ha scoperto a sue spese Jeff @ CodingHorror, che ha “istituito” la giornata internazionale del backup consapevole spiegandone le ragioni in questa pagina. Nel mio caso c’è però un piccolo antefatto: ho esteso lo storage primario della mia Workstation con un secondo SSD identico. Ho aspettato a lungo l’uscita dei nuovi SSD basati su controller SandForce sperando che il costo per GB scendesse come promesso di gran fanfara. Il rilascio dei primi prodotti ha disatteso tutte le mie aspettative ed ho pensato che la soluzione più economica è quella di due SSD in Raid0 (l’unico Raid che funziona ). Ero indeciso se fare un restore o una reinstallazione da zero ed ho optato per la seconda, però ho voluto dapprima tentare comunque il restore per capire cosa succede e se è davvero possibile farlo. Non ci sono praticamente riuscito ma non a causa di difficoltà che avevo messo in conto, ma per il fatto che il Restore CD di Windows Home Server non ha in dotazione i driver corretti della scheda di rete della Workstation (che fortuna, eh?). Una volta però che ho reinstallato tutto ho deciso di andare a fondo e di cercare la soluzione al mistero. Per indagare ho dovuto più volte riavviare da CD o chiavetta USB scontrandomi con un altro problemino che con la mia Workstation ho avuto praticamente da sempre: la fase iniziale di boot di WinPE è lentissima. Ovvero tra un passo e l’altro del wizard di restore passano diversi minuti, cosa riscontrabile anche durante le prime fasi di installazione dei nuovi sistemi operativi (Vista e 7). Questo significa che ogni tentativo di restore, tra passi opzionali e meno, ha finito per richiedere almeno 20 minuti. Mi è venuto in aiuto San Scroogle: ho scoperto che il problema si presenta con alcuni BIOS molto diffusi se nei settaggi è indicata la presenza di un floppy drive che però non esiste. Rimosso tale settaggio tutto ha cominciato a filare a meraviglia, rispostando la mia attenzione sul problema del driver della scheda di rete. La regia mi dice che praticamente Realtek ha cappellato il versionamento dei driver: la soluzione è l’esistenza di un Restore CD creato da qualche tabaccaio all’uopo e contenente una quantità sterminata di driver per Windows Home Server. L’ho provato e il tutto ha funzionato decisamente al primo colpo.

Morale del post:

  1. se l’installazione da zero di Windows 7 o Vista è lentissima durante la prima fase, assicurarsi di disabilitare il floppy drive fantasma nel BIOS.
  2. se il restore wizard di WHS non sembra riconoscere la rete correttamente, cosa che è sicura al limone nel caso si possieda una scheda di rete basata su Realtek, scaricare e masterizzare il “Windows Home Server Restore CD X:\files edition

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (8):
1. il nonno (is back!)
martedì 23 marzo 2010 alle 8:49 PM - IE 8.0 Windows 7
   

Aggiungo: col restore di Windows 7 attenzione a come erano configurati i dischi, se ad esempio si passa da AHCI a Raid... quasi certamente al riavvio di Windows 7 si avra' un bel crash in fase di boot. Queste sono le cose che Windows deve ancora migliorare... ahime'.

   
2. Paperino
martedì 23 marzo 2010 alle 9:50 PM - firefox 3.6 Windows 7
   

Effettivamente era quello che volevo davvero provare. Però mi sembrava di aver letto che i driver RAID sono ormai built-in, quindi non so quanto il crash sia probabile. Per curiosità posso provare a fare il restore di un vecchio backup

   
3. il nonno (is back!)
mercoledì 24 marzo 2010 alle 1:56 PM - IE 8.0 Windows 7
   

Probabile che dipenda dal tipo di Raid, nel mio caso software su ICHR10.

   
4. Paperino
mercoledì 24 marzo 2010 alle 6:35 PM - firefox 3.6.2 Windows 7
   

Eccone un altro: www.engadget.com/.../

The F100 in question has the SF-1200 onboard, offering a lesser 285MBps read and 275MBps writes (oh, such measly specs!),

A questo punto sono curioso di misurare le perf del mio RAID0. Suggerimenti sul tool da usare? Nel post non è chiaro da dove escano quei risultati....

   
5. il nonno (is back!)
mercoledì 24 marzo 2010 alle 7:28 PM - IE 8.0 Windows 7
   

HD Tune e ATTO.

Il forum OCZ e' una buona fonte di materiale sui tool per SSD.

 

   
6. Edward
giovedì 25 marzo 2010 alle 5:16 PM - unknown unknown Linux
   

Su un server, pure su WHS, proverei anche iometer con un profilo adatto (es file server)

 

Edward

   
7. Luigi Bruno
domenica 28 marzo 2010 alle 5:52 PM - IE 8.0 Windows 7
   

Vi offendete (o vi schifate) se vi dico che io ho la buona abitudine di fare copie settimanali di tutti i miei dati su un hard disk esterno USB che utilizzo solo come storage di sicurezza?

   
8. lzk87
martedì 30 marzo 2010 alle 9:34 PM - chrome 4.1.249.1042 Windows 7
   

anche io faccio cosi  fin'ora avrò tipo 600gb di dati tra cui solo 150gb vengono modificati spesso, sul disco ext. da 1 tera ci piazzo tutti i 600gb aggiornando solamente quei dati che uso spesso (ovvero i 150gb che si trovano anche sul mio HDD principale nel desktop)

sul netbook è più semplice avrò solo 60gb di roba..

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)