Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Windows Home Server Iterazione Seconda

Il server che mi son costruito usando un barebone MSI Hetis 900 e un pentium D 820 è troppo rumoroso. Ho così deciso di sperimentare l’Atom che in assenza di ventole – a parte una minuscola ventola per tutto il case abbastanza silenziosa – è quasi completamente noiseless.

Per evitare di “prendere” in prestito un lettore DVD dalla workstation ho deciso di tentare l’installazione di WHS via chiavetta USB usando la guida Wiki pubblicata qui. È filato tutto quasi liscio: quando si è trattato di scegliere il tipo di installazione ho selezionato “nuovo server” e ad un certo punto lo script ha tentato di formattare anche la chiavetta USB contenente i file di installazione riportando un “catastrophic failure”. Anche se il contenuto della chiavetta è andato distrutto, e mi importa poco in quanto era stata appena formattata, l’installazione di WHS è andata a buon fine dopo il riavvio. L’episodio ha posto quindi la questione su come circumnavigare tale tipo di situazione in futuro; ho pensato che occorrerebbe una chiavetta USB “lucchettabile” in modo da prevenire scritture indesiderate. La soluzione è più semplice di quanto potessi in un primo tempo immaginare: micro-lettore SD di tipo USB e scheda SD da 2/4GB. L’unico dubbio è se un affare del genere supporti il boot via USB:

cardreader

Considerato il costo contenutissimo (4.73$ chiavi in mano) ho deciso di fare l’ordine e testare di prima mano. Altre idee sul problema – più teorico che pratico – di proteggere un pendrive da scrittura sono più che benvenute!

Questi giorni metterò il nuovo server sotto carico e staremo a vedere se l’Atom disattenderà o meno le mie aspettative.

-quack

Technorati Tags:

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (7):
1. gino
giovedì 28 agosto 2008 alle 5:02 PM - unknown unknown unknown
   

www.pendrive.com/.../pendrivemini

il primissimo link uscito dal motore di ricerca

ci sono anche le pennette con lo switch di protezione come i vecchi floppy o le card

   
2. Paperino
giovedì 28 agosto 2008 alle 8:04 PM - unknown unknown unknown
   

Costosetti però.

Pensavo di farmi un portfolio di immagini SP-ready (Vista x64, Vista x32 e W2K8) da tenere in ufficio per ogni evenienza.

   
3. Enrico
giovedì 28 agosto 2008 alle 8:29 PM - unknown unknown unknown
   

@Paperino

Parecchi pendrive (anche molto economici) hanno uno switch (o analogo meccanismo) per prevenire scritture indesiderate.

   
4. Alessandro
giovedì 28 agosto 2008 alle 8:42 PM - unknown unknown unknown
   

Da bravo ignorante: alla fine, oltre al barebone, cos'hai dovuto comprare? Mi è sembrato di capire che hai dovuto prendere l'Atom a parte: quale hai preso? Insomma, la lista della spesa qual'è stata :P? Sono molto interessato anch'io ad una soluzione del genere per mandare in pensione il NAS che ormai sta per trapassare...

   
5. Paperino
giovedì 28 agosto 2008 alle 10:13 PM - unknown unknown unknown
   

@Alessando:

ho comprato solo il barebone. Per gli HD e la licenza riutilizzerò quelli del vecchio server. Per la RAM ne ho recuperato un banchetto dal mio vecchio DELL che prima di rivendere promuoverò a 3GB.

Facendo i conti coi prezzi di oggi:

Barebone 140$; RAM 20$; HD 150$ (1.5TB); licenza: 150$ = meno di 500$

P.S. L'Atom richiede una saldatura particolare per cui non si può comprare "a parte". Tutti i barebone Atom sono dotati di processore.

   
6. Alessandro
venerdì 29 agosto 2008 alle 3:27 PM - unknown unknown unknown
   

Ah, perché mi pare di aver capito che il barebone che hai linkato è senza processore, sbaglio?

Tra l'altro bisogna pure trovarlo in Italia, a quanto ho capito latita..

   
7. Paperino
venerdì 29 agosto 2008 alle 6:49 PM - unknown unknown unknown
   

Il barebone linkato è dotato di processore. Immagino che presto invaderà anche il mercato europeo.

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)