Il supporto per Exchange in Windows Phone è fantastico, tranne per una piccola antipatica anomalia: richiede l’uso di un PIN, di norma opzionale se non si usa Exchange.

Il problema è che il PM che ha disegnato la feature deve essere di natura estremamente paranoico: a differenza dei comuni cellulari, inserire un pin sbagliato per tre volte non porta al blocco del telefono e conseguente necessità di dover inserire il PUK. Quei furbi di WP7 hanno pensato che la punizione esemplare da elargire è il reset totale del telefono a livello di appena uscito dalla fabbrica.

C’è gente come me, vittima di un wiping accidentato, che ancora si chiede che relazione c’è tra casella postale aziendale e foto/video/musica/applicazioni personali. Tra l’altro a differenza di Android, il recupero di tutte le applicazioni è un poco divertente esercizio di memoria, risorsa già largamente in esaurimento con l’avanzamento dell’età.

Questo eccesso di paranoia deve essere una malattia in rapida diffusione visto che persino in Apple, ove sono tendenzialmente poco attenti a questa materia, si permettono di bloccare la mail in uscita se il contenuto è considerato discutibile. Una vera epidemia da scemo del villaggio.

-quack