Copyrightz

Tre letture interessanti:

  1. Illegal Downloads 150x More Profitable Than Legal Sales
  2. 100 years of Big Content fearing technology—in its own words
  3. RIAA and MPAA Can’t Stop BitTorrent, Study Finds

-quack

Commenti (6):
1. Edward
giovedì 15 ottobre 2009 alle 12:29 PM - firefox 3.5.3 Windows 2000
   

Mi piac la conclusione del secondo link: "La gente compra quei prodotti perche' li vuole, quindi si apre un mercato potenziale". Mercato che RIAA e le maggiori compagnie cine-discografiche capiscono molto in ritardo (musica e film su supporto: dischi, audio- e videocassette preregistrate, mp3 in vendita sono apparsi molti anni dopo la comparsa degli strumenti di riproduzione, nel caso del video pure dopo l'industria ero/pornografica) o per niente (i testi delle canzoni: non concorrono con la musica bensi' in un certo senso la sostengono e sono indice di richiesta - se cerco il testo, sicuramente mi interessa la canzone e forse sono disposto a comprarla -, ma RIAA vuol far chiudere i siti di lyrics perche' non rendono direttamente, alias non pagano l'obolo ...).

Chi troppo vuole nulla stringe: mi stupisco solo che siano rimasti in piedi per cosi' tanto tempo.

 

Edward

   
2. Paperino
giovedì 15 ottobre 2009 alle 6:50 PM - firefox 3.5.3 Windows 7
   

mi stupisco solo che siano rimasti in piedi per cosi' tanto tempo

Hanno una lobby molto forte e con tanta grana...

   
3. floo
venerdì 16 ottobre 2009 alle 12:17 AM - firefox 3.5.3 Windows 7
   

Quackston, we have a problem!

   
4. 0verture
venerdì 16 ottobre 2009 alle 1:04 AM - firefox 3.5.3 Windows 7
   

Ma una volta le tesi di laurea non si dovevano scrivere di proprio pugno ?

   
5. kersal
venerdì 16 ottobre 2009 alle 8:51 AM - firefox 3.5.2 Windows 7
   

Recentemente hanno fatto una ricerca che ha dimostrato che i grandi gruppi non hanno subito alcun calo delle vendite. E allora? Allora il problema della RIAA non sono i profitti generati da Madonna o i Red Hot  Chili Peppers in quanto questi pagano basse royalty, ma dagli emergenti: infatti esiste(va) una bella truffa che consiste nello scoprire un emergente che fa una bella canzone (un tipico tormentone estivo!), finanziarlo in cambio del 70-80% dei profitti, mettere in commercio il singolo in questione per un tempo molto breve, e poi uscire con un album a prezzo pieno che contiene la Hit in questione e altre 9 canzoni pessime registrate in due giorni!. Il cantante diventa la tipica meteora, ma quell'anno vende 3 milioni di dischi che fruttano il 70-80% alla casa discografica!.

Internet ha ammazzato questa truffa perchè il tam-tam mediatico circa la bontà dell'intero album porta i consumatori (anche quelli che abitualmente comprano CD originali) a scaricare il solo brano bello dell'album!

Il danno per la RIAA è quindi elevatissimo perchè effettivamente tra produzione e promozione ha investito effettivamente su quel giovane talento (?) convinta di avere un rientro decuplicato!

   
6. 0verture
venerdì 16 ottobre 2009 alle 12:05 PM - firefox 3.5.3 Windows 7
   

Eggià... a pensar male si compie peccato... ma ci si azzecca

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)