Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Meeting accademici

Era da un po’ che mi facevo sfuggire l’occasione per raccontare qualche categoria di meeting. L’ultima in ordine cronologico risale a molto più di un anno fa, durante la quale si parlava di meeting a reazione.lecture

I meeting accademici sono quelli in cui di solito uno parla e gli altri cercano di inventarsi di tutto di più per non ronfare. Nel mio team la cosa capita spesso durante gli “status meeting” data la deformazione di alcuni elementi del team ad assumere atteggiamenti accademici. Per alcuni veterani, incluso il sottoscritto, sentire parlare di cosa succede in determinate fasi del prodotto, subire la paternale sulle cautele da intraprendere, va ben oltre ogni spirito di sopportazione.

Per non morire precocemente di noia ci sono diverse soluzioni:

  • evitare il meeting per cause di forza maggiore; nell’ultimo periodo sono stato estremamente fortunato a causa di una pseudo-influenza, un giuramento da presenziare, una build da sistemare (che è sempre un guaio, ma se capita proprio durante certi momenti ha un suo lato positivo)
  • causare brevi interruzioni con battute, gag o provocazioni per interrompere la monotonia del discorso
  • portarsi una fonte di intrattenimento travestibile da telefonino: uno smartphone, iPhone, ecc. è perfetto

Finora le mie tecniche sono ad ampio spettro. L’ultima è consigliabile solo per i meeting serio-importanti, laddove neanche l’assenza per forza maggiore è tollerabile.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (2):
1. NickelGreen
giovedì 23 ottobre 2008 alle 10:00 PM - unknown unknown unknown
   

causare brevi interruzioni con battute, gag o provocazioni per interrompere la monotonia del discorsoQuesta la pratico anche io quando mi capita. E' più forte di me. Più di 15 minuti di seriosità non li reggo...

   
2. Edward
giovedì 23 ottobre 2008 alle 10:45 PM - unknown unknown unknown
   

4) Cedere alla tentazione, portarsi un cuscino sagomato da aeroplano e sedersi il piu' distante possibile dal relatore?

Scherzi a parte, se l'assenza per impegni e' facile da attuare (basta avere una scusa plausibile), per le altre due tecniche sei presente in sala e rischi di essere beccato: attento che ti faranno inginocchiare sui ceci

 

Edward

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)