A Ovest Di Paperino

Welcome to the dark side.

  • Sono (un) Figo

    Ho giocato con il link passatomi da windrago ed e' venuto fuori che somiglio a lui (al 54%):

    Lo dico sempre: il male del mondo e' il bad software Big Smile.

    PS: in realta' l'algoritmo di estrapolazione del volto ha funzionato egregiamente.

    Technorati tags:

  • La prova de(lla) Vista

    Ultimamente si e' scatenata piu' di una discussione vivace su Vista, rilasciato in versione definitiva il 30 gennaio scorso. La cosa che mi ha infastidito tantissimo e' che ho letto molto spesso in giro recensioni basate su articoli basati su voci basate su... La cosa piu' buffa e' che basta procurarsi un DVD di Vista per poterlo provare gratuitamente per 30 giorni. Se non bastano si puo' estendere fino a 120 giorni. Se non si e' sicuri che il proprio PC possa farcela, si puo' lanciare il Vista Upgrade Advisor.

    Alcune voci messe in giro (riprese da Giovy):

    1. Vista non permette di riprodurre mp3, limita il P2P, ecc. FALSO (funziona tutto)
    2. Vista introduce il DRM che limita la riproduzione di filmati ad alta definizione, ecc. FALSO (di piu' qui)
    3. Vista richiede hardware potente e di ultima generazione FALSO (sul mio PC vecchio di 18 mesi gira alla grande)
    4. Aero richede una scheda grafica 'potente' FALSO (basta una scheda grafica dell'equivalente di una quarantina di dollari).
    5. Installare Vista e' complicato FALSO (bastano due click, provare e' gratis)
    6. C'e' gente che crede che per comprare un cavo firewire bisogna spendere 2000$ per un Mac VERO (dalla nuova campagna Mac)

    La cosa che mi spaventa e' che il tipo nel video dichiara di essere un poliziotto. Siamo messi davvero in buone mani. Smile

    Per favore prima di criticare/recensire, provate!

    Update: finalmente qualcuno un po' piu' obiettivo sugli spot della Apple. Sara' mica uno stipendiato MS? Stick out tongue

    -quack

    Technorati tags:

  • Paperino e il caso del boot lento del laptop

    Era da un bel po' che stavo ad arrovellarmi sul perche' molto spesso il mio Dell ributtava con la ventola al massimo e le performance al minimo. All'inizio ho pensato che fosse una manifestazione di questo bug. E avevo cominciato ad evitare lo standby come la peste mentre e' una delle features piu' deliziose di Vista.

    Stamattina ho deciso di spendere qualche minuto in piu' e di provare a cambiare qualche setting nel BIOS ma proprio durante le schermate di settaggio, lo stesso problema si e' ripresentato in toto. Ho quindi capito che non e' un problema di Vista ma qualcosa di piu' basso livello. Ho cominciato a pensare che il mio laptop potesse avere qualche problema serio e ho contattato il supporto Dell. Nel frattempo mi son fatto il mio giro sul web e ho trovato questi due thread che raccontavano dello stesso mio problema. La soluzione e' per fortuna semplice: upgrade del BIOS alla versione A12 (per fortuna e' un Dell e non un D-Link Wink).

    Il problema: il sensore della temperatura che non e' precisissimo e a temperature basse va fuori scala e segna 255ºC. Ovviamente il BIOS pensando che la CPU sta fondendo, ne abbassa drasticamente la frequenza ed aumenta la velocita' della ventola instaurando un circolo vizioso (la temperatura non salira' mai sopra la soglia ecc.). Col nuovo BIOS il valore di 255ºC e' praticamente ignorato perche' a quella temperatura non solo la CPU sara' cotta, ma il portatile sara' gia' esploso da un pezzo.

    C'est la vie!

    Ora - come si suol dire da queste parti - I am happy as a clam

    -quack

    Technorati tags: , ,

    P.S. ringrazio di cuore Luca per il proof reading del post. Wink

  • Vista e la macchina del tempo

    Ho detto che avrei restistito alle guerre di religione sugli OS, ma vorrei mettere i puntini sulle i (quelle di Innovazione) oltre a togliermi qualche sassolino dalla scarpa.

    Su youtube gira un video fazioso (e dimostro con i fatti perche'; seguitemi) sulle somiglianze tra MacOS e Vista. Guardatevelo qui.

    Il video mostra come alcune delle nuove features di Vista siano scopiazzate da Apple. Peccato che il mondo e' pieno di ignoranti (che si definiscono sarcastici come il tipo nel video). Ma mi voglio soffermare su due features in particolare:

    1. Search. L'idea di un FS che potesse gestire ricerche in tempo reale e' stata dimostrata con la prima demo di WinFS (avvenuta nel 2003, fonte Wikipedia). Tiger (MacOs X 10.4) e' uscito nel 2005. Poi in realta' WinFs e' stato sostituito da un altro motore di ricerca, ma la feature per Apple era li' pronta per essere copiata. E questo lo garantisce un insider (io, ex-sviluppatore in WinFS)
    2. Gadgets/Widgets. I primi gadgets li ho usati nel lontano 2001. Facevano parte di un progetto di MS Research chiamato Sideshow. Di Sideshow sono state leakate diverse versioni beta interne sul web. Per gli increduli farsi un giro qui.
      Wikipedia, alla voce SideBar cita:

    Some reviewers and Apple Macintosh enthusiasts have been quick to point out the Sidebar's similarities in form and function to Apple's Dashboard, as well as Yahoo! Widget Engine (formerly Konfabulator). While there are a number of similarities in form and function, the Sidebar itself has been present for much of the development of Windows Vista (known for much of that time as "Longhorn"). The first known build to include this feature was built in September 2002.

    Per i piu' curiosi Dare Obasanjo ha la storia di SideBar sul suo blog.

    In realta' noi siamo bravissimi a copiare da Apple, ma abbiamo un segreto ben nascosto: la famigerata macchina del tempo. Siamo infatti riusciti a copiare tecnologia rilasciata da Apple nel 2005 gia' nel 2002!

    Certo che vedere tutti questi post in giro mi da un'idea concreta di quanto i Mac fan stiano rosicando per tutte le feature che l'adorato MacOs non offre (ad esempio la security). Smile

    Ma c'est la vie'! Welcome Vista!

    -quack

    Technorati tags: ,

    P.S. fresco di 'stampa' il Vista Upgrade Advisor in Italiano

  • Vista, DRM e il libero mercato

    Qualche tempo fa e' uscito un articolo di Peter Gutmann che propone un'analisi dei costi causati dal DRM di Vista. L'articolo e' stato ripreso a destra e a manca inclusi giornali del calibro di repubblica. Qui c'e' un esempio di commento su quanto sia 'pericolosa' questa feature. Vi si puo' trovare qualche influenza negativa persino in questo articolo intitolato "Alla scoperta di Windows Vista. Ecco cosa offre di nuovo". Alcuni brani:

    Contenuti digitali blindati. Windows Vista conterrà lo stato dell'arte dei sistemi di protezione dei contenuti digitali richiesto dalla major della musica e del cinema. Ciò significa che sarà molto difficile riprodurre sul computer o copiare contenuti, come CD musicali, DVD o i nuovi dischi ad alta definzione HD-DVD e Blu Ray, non originali. [...] Vista esegue anche una verifica sull'hardware con cui è equipaggiato il PC, dalle schede grafiche ai monitor: se uno solo di essi non rispettase gli standard di protezione richiesti dalle major e implementati in Vista, oppure risultasse manomesso o modificato, il contenuto non sarà riprodotto come desiderato, anche se del tutto originale.

    Infine per finire la cigliegina sulla torta. Notare che in questa pagina, l'articolo originale di Gutmann e' preso per "parola del Signore".

    Dato tutto questo allarmismo, e' facile immaginare perche' un paio di amici mi abbiano chiesto la fatidica domanda: devo fare l'upgrade?

    Non staro' qui a spiegare perche' l'articolo di Gutmann contiene un sacco di balle. Dave Marsh lo fa per me. Mi limito solo a far notare che nel linguaggio della logica:

    e cioe' da una contraddizione di base si puo' derivare tutto.

    Sono qui a dire la mia.

    Quando gli standard per l'HD sono stati inventati, il DRM e' stato parte integrante della definizione del formato (come accaduto per il formato DVD). Chi detiene i diritti sul formato ha deciso di concedere la licenza d'uso solo a chi vende dispositivi in grado di garantire una certa sicurezza nel playback (come lo fanno i lettori HD da tavolo). Ergo per dare la possibilita' agli utenti di vedere contenuti HD sul PC, la MS ha dovuto comprare la licenza e introdurre il DRM nell'OS. Questo significa che se io utente voglio vedere un film in HD protetto, devo rispettare alcuni requirement imposti (non da MS, ma dalle aziende di contenuti). La questione e' molto semplice: nel comprare un disco HD noi accettiamo un contratto che ci permette di vedere il film solo su alcuni dispositivi. La possibilita' di vedere il film HD su un PC e' percio' un'opzione in piu' rispetto a quella di vederlo solo su riproduttori da tavolo: d'altra parte, allo stato attuale, non sarebbe possibile vedere tali contenuti su sistemi operativi diversi (Linux, OSX, AmigaOS, ...) almeno sulle versioni correnti (magari in futuro anche altri vendor daranno quest'opzione).

    C'e' da aggiungere un'altra cosa importante: allo stato attuale non ci sono film in HD su mia conoscenza che richiedono queste misure estreme (a cui mi riferiro' con HDCP), ovvero sara' possibile fare il play in alta risoluzione di tale contenuto anche su hardware non HDCP. Il motivo e' semplice: l'HDCP era ancora in fase di bozza quando la XBOX 360 e la PS3 sono state progettate e quindi allo stato attuale non sarebbe possibile vedere film ad alta risoluzione su queste console (che sono state pubblicizzate invece in grado di essere usate come lettori HD da tavolo). Girava voce tempo fa che le aziende dei contenuti potrebbero tenere l'HDCP disabilitato fino al 2012. Se poi devo dire la mia fino in fondo, ho seri dubbi sul fatto che l'HDCP venga attivato sui film (deve essere attivato sul contenuto!) persino dopo il 2012, in quanto tali forme di DRM estremo si stanno rivelando - per le industrie dei contenuti - estremamente inconvenienti: ma staremo a vedere.

    Quindi il DRM in Vista e' da considerare una feature opzionale; il peggio che puo' succedere e' che - se si tenta di riprodurre (PLAY) un contenuto HD protetto su Hardware non HDCP - il film viene mostrato in risoluzione piu' bassa ma superiore/uguale alla SD (e cioe' in fin dei conti con una qualita' uguale o superiore a quella dei DVD attuali). Senza Windows Vista, allo stato attuale, tale opzione non esiste neanche (ne con XP, ne con altri OS). Io direi che io e la maggior parte della gente preferirebbe averla (come hanno dimostrato le vendite nulle di versioni di Windows XP senza media player).

    [Update:
    Il DHCP limita la possibilita' di poter registrare audio/video mentre sono in playback sul PC. Un po' quello che fa total recorder per l'audio. Ma quanti sono quelli che creano MP3 in questa maniera piuttosto che "rippare" i CD? Quanti sono quelli che fanno la loro brava copia di backup di un DVD senza usare software basati su DeCSS? Lasciatemi indovinare, ben pochi.
    ]

    Infine una parola sul discorso dei CD (immagino qualcuno potrebbe obiettare). Quando i CD sono stati inventati, il DRM non c'era. Il contratto per la vendita del CD dava la possibilita' di ascoltare i CD su qualsiasi riproduttore compatibile. Quando alcune case hanno tentato di implementare il DRM sui CD - soprattutto senza neanche informare gli acquirenti - hanno violato questo "accordo implicito" che c'era tra venditore e acquirente: anche perche' il DRM metteva fuori uso una buona fascia di lettori CD audio.

    Spero di essere stato di aiuto nel dipanare gli ultimi dubbi: questo upgrade, s'adda` fa! Big Smile

    Non esitero' in futuro ad aggiornare tale articolo se dovessi sentirne il bisogno.

    Buon upgrade e "Basta la Vista"!(*)

    -quack

    P.S. Anche a me rode che l'industria dei contenuti voglia condizionare cosi' nei dettagli il modo di fruire dei contenuti stessi, ma fin quando le condizioni del contratto sono chiare le leggi del libero mercato restano applicabili.

    (*) Da "Il Pap'Occhio"

    Technorati tags: , ,

  • Un Italiano a Pechino

    Il blog di Davide Brocchetto merita un post tutto suo. Diciamolo.com, il blog per chi vuole sapere della Cina vista da un Italiano (e notare la maiscuola!).

    -grande!

    Technorati tags:

  • Stiamo lavorando per noi

    Cappuccetto Rosso:

    Nonna che occhi grandi che hai....

    Nonna/Lupo:

    Eh! Ho appena fatto la cacca!!


    Liberamente tratto da "Stiamo lavorando per noi", qualche puntata fa...

    -quack

    Technorati tags:

  • Catan mania

    Una delle attivita' piu' divertenti in Italia, sono stati alcuni pomeriggi in famiglia passati a giocare "Settlers of Catan".

    Tale gioco, se non preso in piccole dosi, puo' creare forte assuefazione. Il problema piu' grande e' che e' un gioco che richiede almeno tre giocatori (l'optimum, come per il Poker e' quattro). Per calmare le crisi di astinenza un bel gruppetto di sviluppatori OpenSource, ne ha realizzato una versione per windows giocabile online (la versione stabile ad oggi e' la 1.2.0a). Senza nulla togliere a quello che mi sembra uno dei migliori progetti OpenSource dal punto di vista di completezza e di qualita', l'applicazione presenta alcune di quelle pecche tipiche dell'OpenSource:

    • Overdesign a livello estremo: il codice e' scritto in C++ e si sforza di sfruttare molte librerie disponibili su piu' piattaforme (wxWidgets e altre che non mi vengono in mente). Peccato che poi l'applicazione giri solo sotto Windows (alla mia domanda perche' non usare linguaggi di piu' alto livello come il C# che avrebbe reso lo sviluppo almeno 5x piu' veloce, la risposta e' stata "non e' portabile".... Smile) (*)
    • Eccesso di opzioni: quasi tutte le regolette aggiuntive underground sono state rese selezionabili opzionalmente (il che puo' sembrare un bene, ma e' un male...). Per cui e' possibile fare una partita in cui: si limita il numero di volte in cui esce il sette, si sostituiscono i deserti con giungle o vulcani, si puo' trattare dopo aver costruito, ecc. ecc. Alla fine dello spirito originale del gioco rimane ben poco (se in Catan originale non si puo' trattare dopo aver costruito e' per impedire di costruire porti che vengano utilizzati immediatamente)
    • Una focalizzazione eccessiva sull'implementazione: Un esempio e' il sistema di trattative che invita a non trattare; il gioco in realta', secondo le intenzioni dell'inventore Klaus Teuber, e' tutto basato sullo scambio "ti do una pecora, mi da un grano". Il fatto stesso che ci sia un'opzione per limitare il numero di richieste di trattative che viene regolarmente usata nel 99% delle partite online, fa capire che alla fine il gioco online e' completamente diverso da quello giocabile in casa: "vince chi sceglie il piazzamento migliore e speriamo che i dadi l'accompagnino"

    Un'altra nota da insider. Il gioco funziona egregiamente su Windows XP (il fatto che ci sia un'opzione per riprendere le partite dovute ai crash mi fa pensare che non debba essere stato spulciato molto correttamente) ma ahime' su Vista va in crash molto piu' spesso. I piu' maligni darebbero la colpa a Vista, ma avendo accesso al database dei bachi di compatibilita' posso tranquillizzare statisticamente che non e' cosi'.

    Infine, gira voce che stia per uscire una versione ufficiale per XBOX 360. Se cosi fosse, sarebbe la volta buona per fare l'upgrade della console (l'aggiunta della possibilita' di comunicare con la voce rende il gioco piu' fedele).

    Insomma dategli un'occhiata, ma non cadete in assuefazione! Se poi volete sfidarmi - fuso orario permettendo - lasciate pure un commento: prometto che daro' del mio meglio. Smile

    -quack

    Technorati tags:

    (*) in realta' la risposta non e' corretta. Molto codice C# e' portabile sotto Linux e OSX grazie al progetto Mono. In mia ipotesi, fare il porting di un'applicazione C# e' molto piu' semplice che fare il porting di un'applicazione

  • iPhone: perche' non ne comprero' mai uno

    Tempo fa mi chiedevo se mai avessi dovuto cambiare idea sull'iPhone. Dicevo che era molto bello (includendo le funzionalita' oltre all'estetica). Ora che il reality distortion field e' definitivamente calato, posso confermare di aver definitivamente cambiato idea. I miei motivi, ispirati a quelli di Paul Kedrosky e di Scoble.

    1. L'accordo con Cingular; puo' sembrare poco ma quelli di Cingular mi hanno trattato davvero male; il mio ordine e' stato poi cancellato ma senza nessuna conferma; al mio amico Mario e' andata ancora peggio perche' hanno cercato di affibbiargli un contratto 3 volte piu' costoso e s'e' dovuto sbattere per giorni per restituire il telefono come da contratto. Kedrosky dice che "While every wireless carrier has its haters, Cingular has more than most (both for its service and for its Edge network)"; verissimo.
      Probabilmente qualcuno si ingegnera' e trovera' il modo di "sbloccare" il telefono e venderlo su ebay a 100$ in piu' (come se non fosse gia' troppo costoso). Ovviamente Apple cerchera' di fare causa agli ubaldi, ecc. ecc. come da copione gia' visto.
    2. Il fatto che solo Apple (o alcuni suoi partner) possono scrivere SW per l'iPhone. Imperativo scordarsi l'enorme parco SW esistente per lo Smartphone (incluso un GPS che funziona davvero). Non capisco perche' porsi in competizione con gli smartphone (come avvenuto durante l'evento) se si vuol presentare poi un giocattolino che fa solo leggere la posta e navigare sul Web.
    3. Il prezzo esoso: 600$ + un contratto di almeno 40$ al mese con cingular per due anni. Considerando la mia media di 12 telefonate all'anno significa una media di 65$ a telefonata. No grazie.
    4. La batteria che non e' sostituibile (a meno di non invalidare la garanzia). Una delle cose piu' comuni che si fa con i cellulari e' comprare una batteria di scorta.

    Alla fine ho deciso di comprare un QTek 8500, stesso hardware del Cingular 3125 ma senza l'odioso branding; in barba a Steve e al suo Reality Distortion Field.

    -quack

    Technorati tags: , , ,

  • Il commento che 'made my day'

    Come se non bastassero le guerre di religione sul WEB, la BBC ha deciso di organizzarne qualcuna in TV in occasione del lancio mondiale di Windows Vista il prossimo 30 gennaio. Uno dei commenti alla notizia riportata su slashdot e' stato questo:

    And don't say "fewer attacks and/or security exposures on this OS as compared to Windows", because right now all non-Windows platforms are benefiting from "security through minority".

    There's even a dorky genius here on slashdot who posts from his Amiga, and one of the benefits he lists for using steam-powered computing hardware, is the complete absence of any attacks targetting his box. Although he probably has to worry about termites eating his DRAM.

    All of that would change if AmigaOS or Linux or whatever became the de facto standard (FONTE)

    Io un tipo cosi` lo conosco (parlo di quelli che usano AmigaOS, non dell'autore del commento). Voi? Smile

    -quack

    Technorati tags: , , , ,

  • Il ministro dell'IT in visita

    Tempo fa - nel Novembre del 2003 - il ministro della tecnologia Stanca venne a trovare gli italiani a Redmond in un incontro poi sommarizzato (?) da Rampini su Repubblica. All'epoca mi amareggio' una frase abbastanza realistica del ministro di allora:

    "Alcuni di loro tornerebbero anche volentieri in Italia - ha ammesso Stanca - ma dove? A fare che cosa?" Grande industria tecnologica non ne abbiamo più.

    Ieri ho invece avuto l'opportunita' di incontrare il nuovo ministro, Nicolais. Aldila' delle parole del ministro mi ha fatto riflettere il riassunto dei 3 motivi per cui gli italiani lavorano in MS:

    1. L'impatto (quasi sempre globale); occuparsi di appcompat in MS, non e' la stessa cosa insomma di occuparsene in PippoPluto.com
    2. La liberta' di lavorare 'a progetto' (quante volte me l'hanno detto in Italia, nonostante poi fossi alla merce' del custode Smile) e gestire il proprio tempo da se.
    3. Il fatto che la nazione intera (nel bene e nel male) e` pensata per rendere la vita dei lavoratori meno stressante (non solo infrastrutture, ma ad esempio negozi alimentari aperti 24h)

    Intanto proprio il giorno precedente a "Porta a porta" hanno fatto un'indagine su quali sono in Italia le migliori aziende per cui lavorare. Il podio era:

    1. Ferrari
    2. Microsoft
    3. Coca-cola

    Fa piacere che un'azienda italiana (e quale azienda) fosse davanti per validi motivi.
    Food for thought, come direbbero qui.

    -quack

    Technorati tags: ,

  • Gatto, topo, re e bastonatore

    All'epoca delle scuole elementari questo gioco senza titolo (o se vogliamo "del gatto del topo del re e del bastonatore") era uno dei passatempi molto in voga quando l'insegnante lasciava la classe per periodi medio lunghi. Il gioco e' semplice e richiede quattro (cinque o sei con le varianti) giocatori.

    Ognuno dei giocatori impersona a caso uno dei quattro ruoli: noi scrivavamo i rouli su quattro biglietti piegati in maniera uguale, mescolati e distribuiti a caso.

    Il gatto (detto anche Tom) - appena tutti i ruoli sono definiti - deve dichiararsi a tutti mostrando il bigliettino. Una volta dichiaratosi, il gatto deve individuare chi tra i rimanenti e' il topo (Jerry). Se indovina ad essere punito sara' il topo, altrimenti chi fara' la brutta fine e' il gatto colpevole di non aver portato la caccia a giusto compimento. La punizione viene decisa dal re/regina ed eseguita dal bastonatore. Giocando in cinque vi si aggiunge il ruolo del perdonatore in potere di decidere per uno sconto di pena o un'amnistia totale.

    Questo gioco sarebbe rimasto nascosto nei meandri piu' remoti della mia (de)mente se non fosse accaduto che al meeting di oggi qualcuno ha menzionato la necessita' nei prossimi meeting di avere ruoli interscambiabili (moderatore, scriba, presentatore e altri che non mi sovvengono). What a flash! Per un attimo ho pensato: se io fossi il gatto, chi di questi sarebbe il topo? Smile

    -quack

    Technorati tags:

  • Paperino e lo spam

    Prima o poi doveva capitare che qualche deficiente sarebbe passato a rovinare la festa.

    In attesa di implementare questa modifica - e magari fare qualche altro aggiornamento - tutti i commenti saranno moderati.

    Tempo un giorno ed aggiusto tutto.

    -quack

  • Ubuntu e la formichina

    Avevo un vecchio laptop e tempo fa come esperimento mentale vi ci installai Ubuntu (la leggenda vuole che Windows succhi un sacco di risorse, mentre Linux gira anche sui PC del nonno). Pochi giorni fa la formichina ha avuto bisogno di questo laptop extra su cui farci girare - possibilmente - windows e office. Visto che Linux c'era gia' le ho proposto di tenerlo in prova per qualche giorno/settimana dopo averla provvista di una paginetta con tutte le istruzioni essenziali per usarlo (dove trovare questo, dove trovare quello). Questa la cronologia degli eventi:

    Giorno 1: il portatiletto viene usato pure in rete connesso ad un router DLINK che fa da DHCP. Ubuntu sembra stare al DHCP-gioco, si prende un indirizzo IP e funziona. Wow, plug&play. Firefox e' meglio di IE, si ricorda pure alcune cose (commento della formichina).

    Giorno 2: il portatiletto viene riportato a casa e connesso con nostro router via powerline adapter di cui sopra. La rete di casa e' WPA e in Ubuntu-WiFi l'opzione non sembra neanche essere presente. Tra spendere 2 giorni a cercare la documentazione, installare quanto dovuto, ecc. e prendere in prestito uno degli adatattatori Netgear (il buon NAS puo' attendere), preferisco prendere in prestito: sono pragmatico, non un teorico fissato. Il DHCP-gioco funziona ancora, internet e' ancora li'. All'improvviso il laptop si spegne: faccio notare alla formichina che stava andando di batteria. Commento della formichina: ma prima di spegnersi poteva avvisare, windows lo fa quando la batteria e' scarica (oltre all'incazzatura per aver perso qualche minuto di lavoro)! Eppoi la mia casella di posta sembra buffa su Firefox (la casella di posta gira su un Exchange Web Mail server).

    Giorno 3: il portatile viene riconnesso al router DLINK. Il DHCP non funziona. Qualsiasi tentativo di assistenza remota telefonica fallisce (tentato il riavvio, shutdown, possibile). Dov'e' IPCONFIG? Ubuntu non e' Windows; la formichina lascia perdere.

    Giorno 4: la formichina ha bisogno di stampare alcuni documenti creati con OpenOffice. Le spiego che deve convertirli in Word (dubito che OfficeDepot abbia OpenOffice installato o per lo meno non voglio correre rischi) e la istruisco su come fare. Nonostante tutti i tentativi di esportare, PIPPO.DOC sul desktop non esiste (e OpenOffice sembra volersi incazzare). Idea geniale: siccome non so una cippa di OpenOffice, lo potrei installare sul mio (l'assistenza remota non e' un'opzione: la rete non funziona e l'unico Gateway per l'internet e' un portatile Windows). Installo OO 2.1 su Windows e mi faccio mandare i file .ODT che posso convertire in PDF (grazie a PDFCreator); nel frattempo scopro che OO supporta nativamente il PDF e spiego alla formichina come convertire tutti i suoi documenti in PDF. Convertiti i documenti in PDF arriva il momento di metterli sulla chiavetta USB: i file sembrano copiati con successo, ma la chiavetta - controllata su un altro PC - sembra vuota. Mmm: sara' per caso un problema di umount? Le suggerisco di aspettare 10 secondi dopo la copia prima di togliere la chiavetta e questo risolve il problema; nel 2007, Unix funziona (quasi) ancora come 30 anni fa.

    Giorno 5: commento della formichina: Ubuntu e' bello e gratis, ma per favore mi installi Windows che ci devo lavorare? Smile

    Giorno 6: format, install, install, update, install. Ehi questo giocattolino funziona anche in WiFi/WPA! Non male!

     -quack

    Technorati tags: ,

  • Essere un po' piu' attori

    Se tutti quanti fossimo un po' piu' attori, tutti quanti saremmo in grado con piu' facilita' di immedersimarci nei casi degli altri; diverremmo tutti piu' tolleranti e meno rompiballe; penso che insomma ci sarebbe da riflettere; penso che molti politici dovrebbero diventare piu' attori.

    Sergio Rubini, Porta a Porta, 18 Gennaio 2007

    E come non dargli torto!

    Un grande!

    Per la legge del contrappasso nella stessa puntata Rocco Buttiglione dixit:

    La famiglia esiste in funzione dei figli; la famiglia esiste per proteggere il bambino; niente bambino niente matrimonio; il matrimonio ha questa funzione sociale fondamentale

    E ho detto tutto.

    -quack

  • Un anno di cazzate

    Pensavo di aver mancato il primo compleanno del blog ed invece era solo un caso di cattiva memoria (per fortuna la mia memoria e' a correzione di errori Smile) e tra il dire e il fare c'e' di mezzo "e il".

    E quale cazzata e' migliore di una cazzata autocelebrativa? Evviva e auguri.

    -superquack! 

    Technorati tags:

  • Blu-ray vs HD-DVD

    Questi giorni la battaglia per il dominio dei nuovi dispositivi di entartainment si fa sempre piu' serrata e simile a quella tra VHS e Betamax. Da una parte Sony con il suo Blu-Ray - integrato nativamente nelle playstation di terza generazione - si dichiara gia' vittoriosa; dall'altra l'HD-DVD ha assestato un paio di colpi niente male. Dal corriere:

    L'industria dell'hard riunita a Las Vegas per l'AVN, la più importante fiera mondiale dell'intrattenimento per adulti avrebbe scelto quale dei due nuovi formati ad alta definizione supportare con i propri contenuti. Sarebbe l'HD-DVD supportato dalla giapponese Toshiba, a cui si contrappone il Blu-Ray della Sony.

    Io tifo (anche se per ora non compro!) per l'HD-DVD. Siamo nel 2007 e tuttora la gente quando compra un DVD player deve andare a casa e cercare sui motori di ricerca "il codicillo" per sbloccarne i region settings. Questo nonostante il mercato dei contenuti e' diventato globale e i film escono su DVD ormai in contemporanea nei vari continenti; un cattivo esempio viene da alcuni produttori locali (tra cui alcuni italiani) i quali decidono di bloccare il contenuto su una specifica region "tanto per" (a che serve bloccare i film di Toto' sulla region 2?). Quello del porno e' un ennesima dimostrazione eclatante di quale sarebbe il mercato dei contenuti se finisse in certe mani: oggi niente porno, domani i film solo di alcune case, dopodomani censura totale. O a meno che non paghi qualcosa che non e' chiaro che sia gia' tuo (o sempre se tali 'diritti' sono in vendita). Da Ars Technica:

    Like all lies, there comes a point when the gig is up; the ruse is busted. For the movie studios, it's the moment they have to admit that it's not the piracy that worries them, but business models which don't squeeze every last cent out of customers.

    Sony, no grazie.

    Technorati tags: , ,

  • Working from home (again)

    Fuori dalla finestra continua a nevicare. Ieri ho scoperto che l'incidente dell'altro giorno non e' stato privo di conseguenze sulla mia macchina.

    Saggiamente anche oggi preferisco starmene rintanato, visto che ho cibo, acqua, energia ed entertainment a sufficienza. E visto che la fuori e' una giungla (girato a Portland, ma un certo tipo di gente e' presente un po' dappertutto).

    Technorati tags:

  • Percezione percezione percezione

    L'agente Smith diceva che ignorance is a bliss. Come non dargli torto visto che anche io vivrei molto meglio se non sapessi alcune cose (delusione da conoscenza).

    Leggendo qua' e la' mi rendo conto di quanto la percezione possa stravolgere la realta' delle cose:

    il 40% del malware testato è capace di attaccare con successo Windows Vista

    Puo' un sistema operativo impedire che il 100% del malware "attacchi con successo"? Certamente, soprattutto se integra il modulo di lettura del pensiero gia' di serie sui vari Linux/OSX.

    Mi verrebbe da chiedere: la vogliamo smettere di prenderci in giro? Da cosa si capisce se un "FORMAT C:" e' malevolo o no? E' semplice: dipende se e' intenzione dell'utente formattare o meno.

    Su XP si e' amministratori di default e operazioni di questo genere di solito "funzionano e basta". Su Vista - come su Linux - anche se si e' amministratori il sistema operativo chiede un'ulteriore conferma (con una dialog box molto esplicita su quello che sta per succedere). Detto questo se l'utente clicca "si" e si ritrova con l'HD formattato non e' che solamente colpa sua. C'e' percio' da sorprendersi se il 40% del malware testato e' ancora capace di "attaccare con successo" Vista? Non tanto, lo sarebbe su qualsiasi OS che non integra moduli di lettura del pensiero (quindi OSX e Linux sono praticamente immuni).

    Il vero problema da risolvere e' di quando il malware gira senza che l'utente lo voglia a causa di buchi di sistema. Questo accadeva abbastanza spesso con XP (diciamo pure che il 99.9% del malware su XP si e' diffuso tramite "buchi" e senza l'intervento esplicito dell'utente). Viste tutte le misure di sicurezza messe in atto in Vista (qualcosa qui) penso di poter affermare che tali attacchi non saranno impossibili ma almeno estremamente difficili da portare a compimento. Tra l'altro l'articolo stesso dice che:

    Le uniche novità saranno Pc mostruosi e la "menomazione a distanza".

    Bene. L'unica novita' (come a dire di pochissimo conto) sara' la menomazione a distanza (e cioe' quel 99.9% di casi di cui parlavo sopra). <sarcasmo>Sicuramente c'e' da convenire che cio' e' pochissimo e si poteva benissimo implementare il modulo "lettura del pensiero".</sarcasmo>

    Infine due parole su quel "Pc mostruosi". Siamo stati criticati per il fatto che ci abbiamo messo 5 anni a rilasciare un nuovo OS consumer (in realta' SP2 era un nuovo OS mascherato da service pack, ma sorvoliamo). Visto che ci metteremo altri cinque anni per rilasciare il prossimo OS (sempre citando i nostri detrattori) ha piu' senso disegnare l'OS pensando a PC che saranno la "media" fra 2 anni (e che gia' sono in vendita da un paio di mesi) o pensando a PC che erano la "media" 2 anni fa? D'altra parte se si fa girare Vista Upgrade Advisor su un apple x86 di qualche mese fa, vien fuori che Vista non solo vi ci gira, ma vi ci gira pure alla grande. In tal senso il nuovo sfotto' di Apple e' quanto di piu' ipocrita ci possa essere in quanto proveniente da un'azienda che ad ogni major release dell'OS ha quasi sempre obbligato i suoi utenti al cambio forzato totale di tutto il PC (altro che balle su scheda grafica-memoria-processore: se gli effetti speciali non sono richiesti Vista gira bene pure su un pc "normale"(*)).

    Bottom line: inutile persino tentare di fare sugli OS discorsi che abbiano un minimo di oggettivita'. In tale ambito il fanatismo tende ad andare alle stelle ed il risultato e' che vengon fuori solamente guerre di religione (come spessissimo accade in ambito informatico). Per questo motivo penso che questo sia il mio ultimo post sull'argomento: visto che Linux e' gratis i detrattori non dovrebbero avere nessuna difficolta' a starne alla larga Smile

    -quack

    (*) normale = almeno 1GB di RAM e processore di terzultima generazione (P4 o meglio). Per quelli che ovviamente diranno che qualche distro di Linux gira pure sui Pentium 2, vorrei far notare l'equazione

    Distro : Linux = versione/SKU : Windows

    e quindi c'e' una versione/SKU di Windows che gira benissimo su PC datati (penso a Windows 2000 o similari)

     

    Technorati tags: , , , , ,

  • Home sweet sweet sweet home again

    Tempo di bufera e nonostante sia fuggito alle prime avvisaglie non ho potuto fare a meno di evitare 3 o 4 situazioni di panico completo e totale.

    Ha cominciato a nevicare di quella neve che sembra polistirolo ma che si trasforma in ghiaccio a contatto con l'asfalto (qui la chiamano snow pellets a quanto ho afferrato). Per evitare la discesa ripida della 40TH street, ho deciso un percorso alternativo piu' lungo ma meno ripido e cioe' la Bel-Red.

    Peccato che, all'altezza dell'incrocio con la 40TH st (per l'ultimo tratto obbligatorio prima di arrivare a casa) la strada presenti una parabolica.

    Ovviamente la quantita' di macchine aggrovigliate in pochi mq era paragonabile solo a quello che si vede nei film di fantascienza quando i mostri attaccano la terra (Superman, Godzilla, King Kong, ecc.)

    Io stesso sono quasi stato intrappolato tra due macchine che hanno dovuto arrendersi alla inesorabilita' della gravita'.

    Ecco alcune foto del disastro giusto per rendere l'idea:

     
       

    Anche io ho per un attimo rischiato di finire nella cunetta come la macchina in foto. Mi ha salvato una dose insolita di culo. Ovviamente chiamare il 911 (dopo decine e decine di tentativi a vuoto a causa del sovraccarico delle celle) e' stato totalmente inutile visto che la situazione era simile un po' ovunque. Va aggiunto che la capacita' di guida media e' generalmente molto scarsa: ho visto auto tentare di andare in salita piuttosto ripida senza catene ne trazione integrale ed e' inutile precisare che l'inesorabilita' della forza gravitazionale ha avuto sempre la meglio. Per un po' ho avuto l'impressione di essere su un set cinematografico e sono stato tentato piu' volte di abbandonare l'auto a due isolati da casa. Ma per fortuna sono arrivato sano e salvo: mi merito una buona cioccolata calda e al diavolo la maggioranza.

    Update. Altre foto scattate il day after (da casa - e chi si muove oggi?):

    -quack

    Technorati tags: