A Ovest Di Paperino

Welcome to the dark side.

  • Arghhh!

    Maledizione. Due ore di lavoro buttate al vento (oltre a due ore da mettere in preventivo per cercare il responsabile di questo crash!!)

    NOTE TO SELF: Cercare al più presto un plugin VS per salvare ogni 2 minuti!

  • KeePass

    Fino all'ultima installazione dell'OS usavo Password Minder di Keith Brown. Ultimamente però ho avuto un paio di problemi uno dei quali mi aveva quasi corrotto il DB delle password. A parte quello Password Minder si rifiuta di girare sul mio nuovo PC: in passato ho di nuovo risolto lo stesso problema (avente a che fare con il .Net Frameword) e ho deciso di tagliare la testa al topo e passare a KeePass. KeePass ha un sacco di feature in più rispetto a Password Minder:

    1. Le password sono divise in gruppi. Utile per chi ne gestisce tante.
    2. Una volta copiata nella clipboard, la password viene automaticamente cancellata dopo alcuni secondi
    3. È possibile ridurre ad icona l'applicazione in maniera sicura. Al momento del restore l'applicazione richiede di nuovo la password.
    4. È opensource (non mi fiderei di SW di criptografia gratuito ma senza sorgenti)

    Abbinato con foldershare è uno di quei tool che semplifica di molto la vita.

    -quack

  • Cosa è Fry's

    Tempo fa mi ripromettevo di spiegare cos'è Fry's.

    La mia amica Serena la chiama la "mecca del geek". Trattasi di un negozio di "elettronica" (riduttivo forse) che ha un assortimento davvero grande. Ci si trova di tutto: componenti per computer, memory cards, macchine fotografiche, elettrodomestici e anche un piccolo bar (per chi non riesce proprio a resistere). Ci sono anche componenti e attrezzi per l'elettronica (fichi alcuni oscilloscopi da 5000$ sui banconi di fianco ad altra merce) ed è uno dei pochi negozi che - su componenti delicati come processori/RAM e motherboard - ha delle "return policy" ottime: 15 giorni "no question asked full refund"; se non sei contento del tuo acquisto puoi restituire senza che ti facciano domande entro 15 giorni. Tempo fa infatti, quando un improvviso innalzamento di tensione, ha danneggiato il mediacenter uno dei loro stessi impiegati - difronte al mio dubbio amletico è il processore o la MB? - mi ha consigliato: "comprali entrambi, provali e restituisci ciò che non ti serve". Wow!

    Ma non finisce qui. Con cadenza quasi giornaliera Fry's pubblica sul giornale locale offerte in alcuni casi davvero ottime. Tra le migliori offerte di solito ci sono i "combo", combinazioni particolari di microprocessore/motherboard che costano poco di più del miglior prezzo online del solo processore (il venerdì comprano addirittura quattro pagine di giornale: di tutto di più). Proprio la settimana scorsa siamo riusciti a comprare - per un mio collega - un combo Intel Core 2 Duo/MB Intel 975x Extreme per poco meno di 500$.

    Unico neo, la relativa distanza. Circa 15 miglia (di solito molto trafficate), un po' troppe da incoraggiare visite giornaliere. Molto meglio i pellegrinaggi in comitiva Smile

    -quack

  • Software gratis made in MS

    In questi giorni di reinstallazione forzata (per i maligni: col mio Dell c'era una copia di XP home e ho voluto fare una fresh installation di XP pro) ho scoperto che uno dei tools che mi ha risparmiato un sacco di tempo è made in MS. Trattasi di foldershare e gira anche per Mac (per i fan di Linux, sorry) oltre ad essere supportato da alcuni NAS Iomega.

    Alcuni giorni fa, dopo lunghe polemiche su cos'è un blog (mi riservo di dire la mia), Scoble ha pensato di linkare una lista di SW freeware e molto utile made in MS.

    Tra i miei favoriti (oltre a FolderShare) ci sono alcuni tweaks (Open Command Window Here, TweakUI, Image Resizer e ClearType Tuner), un rimpiazzo per i daemon tools (per gente che vuole testare le ISO senza masterizzare) e virtual PC (grande prodotto di cui attendo la nuova versione presto).

    Il link val bene un bel giro.

    -quack

  • Self generating SQL

    Sono sempre stato appassionato di codice autogenerante (molto bello uno dei teoremi di teoria della calcolabilità che dimostra l'esistenza di codice self-generante).

    Il problema: copiare una colonna da una tabella all'altra in due database diversi (su server diversi, su computer diversi e magari su universi diversi capaci di parlarsi solo con un copia e incolla testuale)

    La soluzione: generare una serie di UPDATE statement dal primo DB e copia/incollare sul secondo DB. Automagia funzionante. Smile

    select 'Update table set column = '''+ 
            replace(column ,'''','''''') + 
            ''' where id = '''+ IdColumn+''''
    from table
    

  • Addicted to plastica

    La mia banca - per motivi che non ce la fanno a stare a margine di questo post - mi ha rilasciato tre "plastiche": 2 carte di credito e una di debito (corrispondente più o meno al nostro bancomat ma dotata anche di un numero Visa quindi usabile anche come normale carta di credito a scalare dal conto). Non mi ero ancora accorto di quanto ne fossi assuefatto (la più importante delle 3 ha pure una raccolta punti che sforna biglietti aerei in media ogni 18 mesi) fino a quando me le hanno disattivate tutte e tre quasi contemporaneamente. La coincidenza è allucinante. La prima stava morendo di morte naturale (si approcciava la scadenza): pensando di essere più furbo ho chiesto di cambiarne il numero in concomitanza della scadenza. Evidentemente il mio inglese non è stato abbastanza chiaro e la prima carta è stata disattivata a pochi minuti dalla mia richiesta. Poco male mi son detto: nel frattempo che la nuova arrivi per posta posso usare quella secondaria (perdita di punti a parte)

    Proprio l'uso di questa carta secondaria mi ha portato a perderla per davvero: deve essere stato un atto freudiano in quanto il colore (tra il porpora e il verde scuro) davvero non mi piaceva. Questo dopo solo 3 giorni di uso reale: chiamo l'operatore Visa che si prodiga di bloccarla subito: peccato che si sia sbagliato e che mi abbia bloccato la terza e unica carta funzionante, quella di debito. Il giorno dopo ho chiamato la banca e mi hanno bloccato stavolta la carta giusta ma ahimé, la carta di debito è morta anch'essa eroicamente con l'altra.

    Nulla di preoccupante: le nuove carte di credito/debito sono giá state imbarcate sul cammello postale che le porterà nella mia casella di posta (quella fisica), ma fino ad allora sto pagando con una carta di credito regalo (ricevuta come premio produzione ma la cifra non basta a pagarmi il pranzo fino alla fine di questa settimana). Tocca usare metodi antichi (di origini Veneziane a quanto pare): i famigerati assegni. Ma per oggi mangio a casa e chi se ne frega.

    Plastica: are you addicted?

    Update: la prima delle tre carte è appena arrivata (appena 9 giorni). Inutile dire che la media del customer service qui negli USA è abbastanza elevata.

  • Un nuovo giocattolo

    Ieri è finalmente arrivato il nuovo gioccattolo comprato a ferragosto. Per un po' ho avuto l'impressione che fosse stato spedito via cammello in quanto dopo 5 giorni non c'era ancora un tracking number disponibile: sono impaziente (in dialetto gravinese, kaldecol) Smile

    Trattasi di un nuovo inspiron 1505 con schermo truebrite da 15.4"; vi ci gira un Core Duo prima maniera con 1GB di RAM e una ottima ATI x1300 e dotato di un sacco di comfort:

    1. masterizzatore DL +RW/-RW
    2. porta firewire
    3. lettore di schede sd/xd integrato
    4. uscita SVGA

    Le migliorie rispetto al mio vecchio e-machine sono tante. La tasteria e il touchpad hanno un feeling superiore al tatto. Un paio di porte USB sono localizzate sulla DX per facile accesso. Infine il tutto mi sembra molto silenzioso. Unico neo l'abbondanza di crapware installato, tale da piegare in due le prestazioni di tutto rispetto. E allora vai di:

    • Resize della partizione primaria (QParted, corrispondente gratuito di partition magic et similia: chi l'avrebbe detto che avrei visto girare linux su questo PC!)
    • Backup della partizione (drive snapshot è mitico da questo punto)
    • Rasatura al suolo con reinstallazione di OS, Office e tutti i tools più indispensabili (incluso l'altrettanto mitico Windows Live Writer)
    • Migrazione dei dati tra i due PC tramite l'XP transfer wizard (se solo tutte le applicazioni lì fuori registrassero le impostazioni qui!!) con l'ausilio di un drive esterno/rete wireless

    Per fortuna ho quasi finito!!! Devo solo trovare un nome carino!

    Update: ho veramente potuto apprezzare il Customer Care della Dell molto paziente nello spedirmi i CD di installazione di PowerDVD (fatto fuori dalla "rasatura" del laptop). E pensare che se ne parla male

    Update2: I CD sono arrivati ieri con Airborne Express (praticamente in meno di 2 giorni). E dire che ero scettico sulla celerità...

  • dasBlog2BlogML

    Allego il codice sorgente del tool che mi son scritto per fare la conversione dei post da dasBlog a BlogML poi importati in CommunityServer tramite apposito plugin.

    L'import usa un paio di features del DataSet (alcune delle quali abbastanza familiari per me Big Smile) mentre impiega l'uso di un XML writer per l'output.

    Enjoy!

  • Redirect risolto!!

    Sono riuscito a risolvere il problema del redirect dei vecchi feed. La soluzione, direi semplice, mi è stata suggerita sul forum di community server. Il classico uovo di Colombo. Trattasi di implementare un semplice HttpModule che semplicemente sta lì in ascolto della vecchia URL e fa un redirect se coincide con i vecchi feed. Il Codice, davvero semplicissimo tanto da starci intero in questo post, è questo:

     

        1 using System;

        2 using System.Web;

        3 

        4 namespace CommunityServer.FeedRedirect

        5 {

        6     /// <summary>

        7     /// Simple feed redirect httpmodule

        8     /// </summary>

        9     public class FeedRedirect : IHttpModule

       10     {

       11         public void Init(HttpApplication app)

       12         {

       13             app.BeginRequest += new EventHandler(BeginReq);

       14         }

       15 

       16         void BeginReq(Object sender, EventArgs e)

       17         {

       18             HttpApplication a = (HttpApplication) sender;

       19             if(a.Context.Request.Url.ToString()=="OldUrl")

       20             {

       21                 a.Response.Redirect(@"**NewUrl**", true);

       22                 return;

       23             }

       24         }

       25 

       26         public void Dispose() {}

       27     }

       28 

       29 

       30 }

     

    L'http module va poi registrato nel web.config con questa riga nella sezione httpModules (ma va?):

    <add name="FeedRedirect" type="CommunityServer.FeedRedirect.FeedRedirect, FeedRedirect" />

    Semplice e fico!

    Buon redirect a tutti!

    -quack

    P.S. il codice l'ho incollato direttamente da VS con questo fichissimo plugin chiamato CopySourceAsHtml (ma va?)

    P.S. per chi mi legge via feed: benvenuti sul mio nuovo blog!

  • Domanda a trabocchetto

    Ma quest'uomo ha il doppio della pazienza di una persona normale?!?!

  • Animator vs. Animation

    Questo filmato flash è carinissimo:

    http://www.deviantart.com/deviation/34244097/

  • Non sar&#224; un'avventura

     Surprise

    HANOI - Si era inventato un naufragio e una rocambolesca avventura in mare per coprire una scappatella con l'amante. Ma non è stato attento ai particolari e ora un pescatore vietnamita rischia di finire in galera. Nguyen Van Huong, 36 anni, originario della provincia di Quang Nam, aveva dichiarato di essere sopravvissuto a un tifone e di aver vagato nell'oceano per 13 giorni.

    Fonte: Pescatore si inventa naufragio per coprire la scappatella - esteri - Repubblica.it

    Moglie: caro che ti è successo?
    Pescatore: guarda, un'avventura...

  • LFC on the beach

    Ieri da buoni immigranti nostrani abbiamo festeggiato il ferragosto in spiaggia con un immenso barbeque, chitarre, balli di gruppo (solo audio) e tanta voglia di divertirsi. Tra i partecipanti c'era pure il mio ex prof. di Linguaggi Formali e Compilatori (a sinistra nella foto a destra) in visita a Seattle per una conferenza. All'epoca, indeciso se scrivere un compilatore simil-Pascal exnovo o riciclare pezzi di un compilatore già usato, pensai fra me stesso: ho tutta la vita davanti per scrivere compilatori da zero. Da allora ne riscrivo quasi uno ogni sei mesi (esagero ma mi piace). Coincidenze della vita!

    Al party, tenutosi in spiaggia qui:

    hanno partecipato circa 80 persone tra cui anche alcuni autoctoni appassionati della cultura Italiana. A fine serata abbiamo giocato al gioco del rubabandiera con la variante "figurata".

     

    A quanto pare è piaciuto tanto. Un americano, incredulo davanti ad una scena assolutamente ridicola di una piramide di tre persone in corsa disperata, eccitato mi ha urlato "I love this game!" Big Smile

    Sperando di bissare al più presto!!

    -quack

  • Sono in ferie...

    ...ma solo per due giorni Sad.

    Mentre cazzeggiavo sul desktop di casa ho trovato questa immagine carinissima:

    Achievement: you can do anything you set your mind to when you have vision, determination and an endless supply of expendable labor.

     

    Un premio a sorpresa a chi riesce ad indovinare il riferimento nascosto in questa immagine. Big Smile

  • Windows Live Writer Beta

     

    Windows Live Writer screenshot Non ho neanche cominciato ad usare BlogJet seriamente (a parte un piccolo post di prova per testare l'installazione di Community Server) che ho scoperto, tramite http://news.com.com l'esistenza di questa BETA. Ed infatti questo post è proprio scritto tramite questo SW.

    In passato ho provato anche W.Bloggar che fa il suo dovere ma costringe un po' ad usare l'HTML puro. BlogJet mi sembrava il giusto compromesso (seppur con qualche baco: tipo le lettere accentate nel titolo non funzionano quando si edita il post). Ed invece ecco a voi "Windows Live Writer".

    Le prime impressioni sono state ottime: al primo lancio ha persino cercato di capire da solo che tipo di piattaforma si sta usando per il blogging... 

    L'editing delle foto inline é fichissimo e permette di aggiungere effetti on the fly: senza dover passare da Photoshop o equivalenti per piccole cose come il watermark, l'effetto "carta fotografica" e molto altro.

    Accattativillo (è gratis) e fatemi sapere!! 

    -quack

    PS. Ho l'impressione che quello delle lettere accentate sia un baco di CS 2.1 RC. Speriamo sia stato sistemato nella versione 2.1 RTM

  • Sfiga &#232;...

    …farsi il “mazzo tanto” per configurare la RC1 di Community Server pochissime ore prima che uscisse la versione finale.

    -quack!!!

  • Welcome to my new home

    Attendo speranzoso commenti.Smile

    -quack

    P.S. a quanto pare l'import dei dati, sebbene painful, è andato a buon fine. Resta da importare la skin.

    P.S. ho in mente anche di fare il redirect dei vecchi feed

  • Cambio blog (spero per l'ultima volta!!)

    Quando qualche mese fa ho deciso di scrivere un blog, mi son subito preoccupato di cercare l'applicazione che funzionasse meglio per le mie esigenze. Avevo pochi requirements in testa e pensavo che - essendo un blog in fin dei conti un DB con 2 tabelle - avrei trovato subito l'implementazione migliore. Listo qui i requirements e ditemi se hanno poco senso:

    1. Che avesse un editor HTML wysiAwayg (=what you see is ALMOST what you get) integrato (tipo wordpress)
    2. Che fosse gratuito da hostare su un mio dominio
    3. Che supportasse il posting in più categorie (perché al mondo siamo liberi)
    4. Che fosse facile da personalizzare... mi piace l'impostazione a tre colonne, la possibilità di usare uno dei tanti skin di panna-smontata, ecc.
    5. Che fosse self-contained. Nessun DB remoto con cui sfrantecarsi l'anima per poter facilmente migrare su un host diverso
    6. Che girasse secondo i requirement di un WebHost umano (con un occhio alla security)
    7. Che fosse scritto in .Net, magari 2.0 e che fosse facile scriverne plugins.

    Dopo un paio di piccoli tentativi (tra cui wordpress che mi dava pochissime libertà in quanto a skinning) mi son procurato un host ed ho installato dblog. Scritto interamente (ehm quasi) in ASP puro usava un DB access per la persistenza dei post/commenti. DBlog centrava 5 requirements su 7... mancava il posting multiplo (di cui mi son affrettato a scrivere un "addon") e l'implementazione in .Net: me ne son accorto subito in quanto il mio "addon" ha richesto decine e decine di righe di codice (~100 se ben ricordo)... ma fa niente, tutto filava liscio fin quando...

    Il mio host ha deciso di spostare il mio blog su un server 64 bit puro; siccome il mio host è gratuito e a caval donato non si guarda in bocca (non si può pagare un fitto per hostare delle cazzate secondo la mia filosofia) ho accettato mio malgrado la sfida che presentava subito un problema: il DB access che sui 64 bit non è più supportato. Ho provato a riscrivere l'accesso ai dati, ma DBLOG usava alcune caratteristiche specifiche di Access (tipo il paging) ed il codice SQL era sparpagliato un po' ovunque.... Tempo di guardarsi in giro fare due conti (ne scrivo uno io o ne cerco uno che funziona?) e provare prima dasBlog e poi Thinkjot.

    dasBlog ha tuttora (nella versione 1.8) problemi a girare su host medium trust. Nonostante qualcuno facesse notare che questo behavior si può considerare un baco a tutti gli effetti, qualche simpatico developer ha pensato di chiudere il baco come "postponed" secondo la logica "sul mio host funziona, chissenefrega il resto del mondo può aspettare". Qualcun altro allora - armato di santa pazienza - ha cominciato a tagliuzzare e modificare a martellate dasBlog per farlo girare su medium trust togliendo via via "features inutili" (hey, l'implementazione della MetaBlog API non era così inutile!!): risultato thinkjot; ha funzionato, l'ho provato ed è cominciata la mia prima migrazione dei dati (posts e commenti) conclusasi abbastanza felicemente (qualche commento ha perso il nome dell'autore, ma fa niente) con del codice scritto a manina dal sottoscritto.

    Sarei stato superfelice se non fosse per il fatto che, poiché i posts sono memorizzati su file XML, il tutto è di una lentezza esasperante... mentre qualcosa ancora non funziona.

    Tempo di guardarsi in giro fare due conti (ne scrivo uno io o ne cerco uno che funziona? Eterno dilemma) e scopro CommunityServer. È fantastico: il blog é fatto molto bene e ci sono siti e siti che ospitano add-ons, consigli, ecc. ecc. L'unico neo é che richiede un SQL server... la prossima migrazione potrebbe essere piú dolorosa, ma a quanto pare qualcuno ha avuto problemi in passato ed è nata l'idea di un formato blog indipendent... ma su questo ci torno in un prossimo post.

    Auguratemi buona fortuna!

    To be continued...

  • VirtualPC mania

    Tempo fa microsoft ha rilasciato VirtualPC come free software (nel senso di aggratis). Questo ha causato un fiorire di idee e di posts molto interessanti. Uno fra i tanti è questo.

    A me intanto è venuta un'idea alquanto interessante. Il problema fondamentale di un'immagine virtualPC è che molto antipatica da sincronizzare... sarebbe molto comodo infatti poter avere *UNA* unica immagine sempre aggiornata da poter utilizzare in ufficio, a casa o in generale su piú hosts. Ho pensato a lungo a varie alternative:

    • Immagine su chiavetta USB da copiare di volta in volta su HD (cioé utilizzare la chiave USB come supporto per la sincronizzazione). Il problema è che a me non piace sincronizzare files a mano (essendo timido e pigro). Inoltre i file di immagine di solito non sono molto piccoli e quindi - oltre ad occupare permantemente uno spazio grande della chiavetta - richiederebbero operazioni di copia abbastanza lunghe nel tempo; sicuramente una soluzione non ideale
    • Immagine su chiavetta USB da utilizzare "direttamente". Questo non è ottimale sia per motivi di performance, sia perché le chiavette USB sono molto "delicate" rispetto ad un HD in quanto supportano solo un numero limitato di cicli di scrittura; soluzione da scartare sicuramente
    • Immagine su HD sincronizzata tramite FolderShare. Purtroppo il fatto che l'immagine sia molto grande (e quindi richieda una sincronizzazione di 650 MB e piú) non la rende praticabile.

    Oggi ho peró avuto un'idea. Con virtual PC è possibile creare HD virtuali differenziali (rispetto ad un HD virtuale "base"). Il tutto si traduce nel:

    • Creare un HD di base ad installazione finita il piu' completo possibile; una volta completato si puo' comprimere in RAR (o equivalente) e tenere su chiavetta USB.
    • Creare un HD differenziale sincronizzato tramite FolderShare per tenere la macchina virtuale aggiornata

    La cosa più incredibile è che tutto rimane fattibile tramite SW gratuito.

    -quack

  • Per chi voter&#243; in futuro

    Solo un link: www.antoniodipietro.it

    (peccato alle passate elezioni non avessero presentato una lista per gli esteri)

    -quack

    P.S. si sono molto disgustato per l'indulto sui reati finanziari